Dalla psicologia positiva al Capitale Psicologico: l’intervento di Fred Luthans

L’approccio della positività rappresenta una svolta decisiva nel corso della psicologia delle organizzazioni, tant’è che Fred Luthans, nel corso del suo intervento durante il convegno dedicato al Capitale Psicologico, ha parlato di “Effetto Copernico”. Queste slide mostrano un estratto dalla sua presentazione:

Annunci

Introduzione allo Psychological Capital – Intervista a Fred Luthans

In momenti in cui la negatività rischia di prevalere e il morale potrebbe cadere a terra, il Capitale Psicologico e l’ottimismo assumono grande rilevanza per migliorare la produttività e le performance aziendali.

Fred Luthans, professore di Management all’Università del Nebraska e ospite allo Psychological Capital Meeting, spiega che il capitale psicologico è formato da quattro componenti: hope (determinazione), efficacy (autoefficacia e sicurezza), resilience (affrontare le difficoltà senza abbattersi, ma uscendone più forti di prima) e optimism (ottimismo e atteggiamento positivo). Queste variabili, significativamente, creano l’acronimo h.e.r.o.

Il Capitale Psicologico è fondamentale per le organizzazioni per diversi motivi: è basato sulla teoria e sulla ricerca, e questo lo rende affidabile; possiede dei metodi di misurazione accurati, in grado di valutare le risorse di ciascuno; ha un forte impatto sulle performance.

Lo Psychological Capital in Italia

Nel corso dello Psychological Capital Meeting, tenutosi nel novembre del 2013, Laura Borgogni, scientific director di UTilia, ha presentato i risultati della validazione del questionario che indaga le quattro dimensioni del Capitale Psicologico (Autoefficacia, Ottimismo, DeterminazioneResilienza). Il questionario intende anche comprendere quali sono i risvolti organizzativi dello Psychological Capital.

cap_psi_borgogni Continua a leggere